47 Anno Domini sceglie Luca De Marchi "Graffi di vita"

Inaugurazione della mostra: venerdì 28 settembre, ore 18.30
a cura di Roberta Gubitosi

Le opere di Luca De Marchi saranno esposte nella wine hall dal  14 settembre - 27 novembre 2018.

Visita gratuita

La ricerca tecnico-cromatica e l'indagine sul valore percettivo del colore costituiscono le fondamenta dell'opera di Luca De Marchi. L'interesse verso la relazione tra luce e spazio permette di sviluppare un percorso creativo che vede le sue radici  nell'astrattismo di Kandinskij e nello Spazialismo veneto.


L'artista spazia dal figurativo e all'astrazione, focalizzando l'attenzione sui possibili condizionamenti emotivi e psicologici che l'immagine creata provoca nell'osservatore.


Disponendo con mestiere ampie e veloci campiture, sovrapponendo taglienti pennellate e gocciolature di colore, Luca De Marchi cerca di promuovere un moto interiore, una reazione emotiva nel fruitore. Significativi sono i titoli quali “Flash emotion”, “Absolute impression”, “Sensual Atmosphere” o “Vital and emotion evolution”.


La tela diviene il campo visivo in cui agisce l'artista per creare una dimensione stratificata, profonda e infinita. La luce bianca interagisce con le stesure cromatiche come una scia graffiante che a volte si vaporizza, facendo vibrare il colore, a volte invece sembra incidere la superficie come una lama tagliente.


Nasce uno spazio nuovo, non fisico né prospettico: è il luogo dove tutto avviene attraverso il dispiegarsi della luce e del colore. Diverse quindi possono essere le interpretazioni di quelle raschiature luminose, che come “graffi di vita” segnano il fluire dell'esistenza.



PDF - Luca De Marchi - Graffi di vita
photogallery